“Riavvolgiamo il nastro mamma”

1000631_672558846138962_286523162_n

Puoi aprire le finestre, guardare il cielo azzurro e vedere lassù oltre le nuvole… Si la vedo è lì che ci guarda con i suoi occhi lucidi Perdonaci mamma, perdonaci per non avere fatto niente contro questo destino…. Incapaci di tenerti qui… per amarti e proteggerti dal quel male che ti logorava ogni giorno sempre di più Ti abbiamo ingannato … Continua a leggere

Era settembre….

  Sei bella, non c’è che dire. Sei bella mentre mi guardi, con la pelle che brilla di sole e le rughe morbide appoggiate sul volto. Sei bella con quel cappellino da spiaggia e le sopracciglia curate, con le labbra rosse di ciliegie, brillanti come il mare che ami. Sembri una lucertola, con gli occhi socchiusi vicino al cielo di … Continua a leggere

Il passaggio segreto

Avevamo i grembiuli bianchi, noi femminucce. Mia madre aveva pensato bene di farci ricamare sul petto le mie iniziali, in blu. Con caratteri classici, rotondeggianti, proprio come quelli che si imparavano a scuola. Ne andavo fiera, distinguendomi dagli altri. Mia nonna si assicurava che il bianco del mio grembiule fosse sempre impeccabile. Strofinava a mano, nel lavatoio, passando il sapone … Continua a leggere

“spilloepushup ~ i maschi visti dall’alto di un tacco 12”

In rete ho trovato questo blog……e un solo commento W LE DONNE!!!! Buona lettura amici Cri La tecnica del numero di telefono sbagliato: il maschio ci casca sempre   Questo è un modo infallibile di  rimorchiare. Me l’ha insegnato  la mia migliore amica  che – in fatto di accaparrarsi gli uomini non sbaglia mai. A dire il vero io l’ho … Continua a leggere

“La Lettera”

     Lido Di Camaiore Agosto 1949  Su gentile concessione dell’autrice…  http://linchiostrodelweb.myblog.it/archive/2008/09/27/la-lettera.html  “La Lettera” “Avevo pensato che non avrei più preso in mano un foglio di carta per mettermi a scrivere, negli ultimi tempi mi sono anche sentita un po’ idiota sentendo la voglia irrefrenabile di stringere tra le mani una stilografica nera e far stridere il pennino su un … Continua a leggere

“Senza di Te”

      Tu non c’eri lungo quella passeggiata che mille volte ti ha vista ridere, scherzare o imbronciata e triste nell’ultimo periodo. Noi al contrario eravamo li e la tua assenza ci pesava come un macigno. Tutto così diverso e irrimediabilmente estraneo. Quel mare che tanto amavamo, che ci aveva visto crescere sotto la tua ombra, adesso ci intristiva e la … Continua a leggere

“Era Settembre”

Raccconto di Simona Bellocci http://blog.intoscana.it/faccialibrotales/2011/01/12/era-settembre/ Era Settembre Sei bella, non c’è che dire. Sei bella mentre mi guardi, con la pelle che brilla di sole e le rughe morbide appoggiate sul volto. Sei bella con quel cappellino da spiaggia e le sopracciglia curate, con le labbra rosse di ciliegie, brillanti come il mare che ami. Sembri una lucertola, con gli occhi … Continua a leggere

“Saltiamo quello stop”

Ieri la mia mamma ci ha lasciato….. Saltiamo quello stop,mi fa paura!!Frenar non posso,questo sarebbe errore,sarei coinvolta senza voler e un danno enorme provocato col mio gesto!Sei troppo previdente,troppo perfetto,lo sai che oggi non si usa più la perfezione,la correttezza di un vivere civile?Rimproverarsi di un gesto,di una parola,quando il mondo frigge in un liquido da fogna…….. Tecla 1988

” Click “

Tremano le lunghe mani. tremano ogni qualvolta.. la voglia di aprire quel cassetto e’ forte La chiave quasi non gira più anche lei complice, di quel tremore che piano piano si appropria di quella figura di quel corpo che.. oggi lentamente va alla deriva. Lo scatto della serratura..apre uno spaccato di vita Si vedono,volti.. baci..carezze..promesse.sogni..amplessi..risate si rivede l’amore! Click Non trema … Continua a leggere